Scuola e famiglia. Quale alleanza educativa è possibile in un contesto multietnico e multireligioso?

Buselli Mondin, P.

Abstract: Il pluralismo religioso e culturale offre oggi dei parametri operativi nuovi per l’insegnamento della religione nella scuola pubblica. Il dibattito è acceso e vede contrapposte diverse posizioni, sul fronte sia dottrinale sia giurisprudenziale. In questo contributo si entrerà nel vivo di questo dibattito con una chiave di lettura che non vuole trovare una soluzione definitiva, bensì cercare un metodo (un modello) che possa affrontare la conflittualità che fa da sfondo a tale dibattito. A tal fine si utilizzerà un criterio interpretativo desunto dal canone 796, ossia la relazione scuola- famiglia quale necessario strumento «ad excolendam educationem», per approfondire in che senso ed in che modo il rapporto insegnanti-genitori-figli potrebbe risultare una risorsa esemplare per la riflessione attuale sull’insegnamento della religione nella scuola pubblica. Si articolerà il rapporto scuola-famiglia sulla scorta di tre parametri (conoscere, volere ed amare) cui verrà associato un volto biblico. Si approfondiranno, da un lato, le conflittualità che questi tre parametri generano nella loro interazione reciproca, e dall’altro i tre loro possibili modelli risolutivi. Soltanto uno tra questi modelli sembra richiamare una relazionalità atta a generare un educazione religiosa autenticamente interculturale, capace di scongiurare ogni approccio relativista, riduzionista o negazionista.

Parole chiave: scuola, famiglia, religione, conflitto, modello risolutivo

Abstract: The religious and cultural pluralism now offers new operational parameters for the teaching of religion in public schools. The debate is on and sees opposing positions, both in terms of doctrine both in terms of case law. In this contribution we will enter the heart of this debate with a key that does not want to find a definitive solution, but rather look for a method (a model) that can deal with the conflict that is the background to this debate. For this purpose it will use a rule of interpretation derived from the canon 796, which is the school-family relationship as a necessary instrument ‘to excolendam educationem’, to investigate in what way and how the relationship parent-teacher- child could be an exemplary resource for the current reflection on the teaching of religion in public schools. It will consist of the school-family relationship on the basis of three parameters (to know, to will and love) which will be associated with a biblical face. They will deepen, on the one hand, the conflict that these three parameters generate in their mutual interaction, and on the other their possible three model solutions. Only one of these models seem to recall a relational adapted to generate a truly intercultural religious education, able to avoid any relativist or reductionist approach.

Keywords: school, family, religion, conflict, resolving model.

 

 

DOI
10.19272/201708601005