I presupposti per un'adeguata comprensione del bonum coniugum in una recente sentenza rotale